Mar. Nov 24th, 2020
mercedes-classea-2018

Dopo le numerose indiscrezioni e le informazioni lasciate trapelare, la terza generazione del modello che da oltre dieci anni viene commercializzata è stata presentata finalmente al Salone di Ginevra; la nuova Mercedes Classe A 2018.

Dopo il restyling del modello Classe A avvenuta nel 2015 e la presentazione della versione limitata classe A Next, presentata in anteprima ad Amsterdam, la nuova Mercedes Classe A 2018 si presenta come compatta premium del marchio tedesco con un design inedito da capo a piedi.

Anche se non si può parlare di una rivoluzione rispetto al concetto che ha esordito sei anni fa: meglio fare riferimento a una semplice evoluzione, anche perché il modello del debutto ha fatto registrare un successo tale che non avrebbe avuto senso uno stravolgimento completo.

E se quella Classe A ha fatto in modo che la Stella fosse avvicinata da un gran numero di clienti che altrimenti non si sarebbero mai rivolti a una Mercedes, vale la pena di scoprire quali sono le potenzialità della versione più recente della vettura.

UN DESIGN PIÙ ESSENZIALE

nuova-mercedes-calssea-2018-fronte

Less is more: sembra essere stato questo il punto di partenza adottato dai designer del marchio, con l’obiettivo di dare vita a un design lineare e pulito al tempo stesso.

Mai aggiungere ma solo togliere: questo il mantra che ha fatto sì che la Mercedes Classe A 2018 sia del tutto priva di fronzoli ed esente da orpelli superflui.

Bando agli eccessi, dunque, per un equilibrio estetico che si può apprezzare con facilità, senza che ciò influisca sulla riconoscibilità dello stile Mercedes.

nuova-mercedes-classea-2018-lato

La fiancata è la parte che, più di tutte le altre, fa tornare in mente le linee della scorsa generazione, soprattutto per ciò che concerne la finestratura con la sua andatura ad arco molto caratteristica.

La differenza rispetto al passato va individuata nelle dimensioni, che sono aumentate, anche per effetto di un passo cresciuto e che adesso va oltre i 4 metri e 40 centimetri.

nuova-mercedes-classea-2018-retro

Da notare, nella parte posteriore, la forma a petalo che contraddistingue i fanali: se dietro le forme sono piuttosto arrotondate, davanti non è difficile riconoscere una certa continuità con la nuova generazione di CLS.

I MOTORI DELLA MERCEDES CLASSE A 2018

Estetica elegante, dunque, ma ciò che conta è quel che si trova sotto il cofano. A tal proposito, la scelta delle motorizzazioni della Mercedes Classe A 2018 può essere definita classica e inserita nel solco della tradizione, almeno per ciò che concerne i propulsori previsti per il lancio, in attesa di eventuali novità per il futuro.

Ecco, quindi, i 163 cavalli di potenza massima del turbo benzina da 1.4 di cilindrata, che si affianca al 2.0 turbo che, invece, è in grado di scaricare sull’asfalto fino a 224 cavalli.

Chi preferisce il diesel, invece, può puntare su un 1.5 di origine Renault che arriva a 116 cavalli. Per un futuro non troppo lontano si aspettano altre motorizzazioni e le versioni 4MATIC: sono molto attese soprattutto le AMG.

GLI INTERNI

nuova-mercedes-classea-2018-interni

A questo punto, non rimane altro che salire a bordo della Mercedes Classe A 2018 per toccarne con mano gli interni: ed è proprio dentro l’abitacolo che si può parlare di una piccola grande rivoluzione a livello stilistico, in virtù di un design che può essere paragonato a quello della Classe S e a quello della Classe E, le sorelle più grandi.

Al di là dell’estetica, poi, si rimane ben impressionati dal livello tecnologico all’avanguardia, confermato da MBUX, il nuovo sistema di infotainment che esordisce proprio su questa vettura, destinato ad amplificare e migliorare la relazione tra macchina e uomo e a mettere in risalto, anche attraverso i nuovi comandi vocali, le interazioni con l’auto.

ALLA SCOPERTA DI MBUX

Mercedes Classe A 2018, infatti, è stata presentata come la prima compatta in grado di comprendere il linguaggio naturale: il suo inedito sistema multimediale, MBUX è la sigla di Mercedes-Benz User Experience, approfondisce la dotazione già vista su altri modelli, basata sulle tecnologie cloud, con un’intelligenza artificiale sorprendente.

Il merito è del sistema Voicetronic, grazie a cui è possibile gestire le luci e la climatizzazione, oltre a tutte le funzioni di infotainment, dalle previsioni meteo alla musica, dal telefono al navigatore.

Basta pronunciare il comando Hey Mercedes e si può iniziare a impartire comandi alla vettura di cui si è alla guida.