Mar. Nov 24th, 2020
guide-di-viaggio-la-top-ten-di-lonely-planet

Gli amanti dei viaggi alla ricerca di nuove avventure o chi deve organizzare una vacanza e non sanno quale meta scegliere, possono fare riferimento alla classifica delle guide di viaggio di Lonely Planet. La casa editrice australiana, ogni anno pubblica una guida di viaggio con le migliori 500 destinazioni, che offrono esperienze da non perdere. Il 2020 non si può dire che sia stato l’anno ideale per visitare nuovi paesi, ma per i prossimi viaggi si possono tenere in considerazione la top ten della classifica di Lonely Planet.

Migliori destinazioni al mondo secondo Lonely Planet

Siti archeologici, imponenti cascate, deserti di sale, safari e scenari naturalistici meravigliosi, la classifica di Lonely Planet comprende luoghi meravigliosi che si trovano sparsi nel mondo, che devono essere assolutamente inseriti nei prossimi viaggi.

Petra, Giordania

Patrimonio dell’Unesco, Petra è un sito archeologico della Giordania, che incanta per il Tesoro, che si nasconde all’interno della città e che si raggiunge dopo aver percorso a piedi uno stretto e tortuoso canyon scavato dall’acqua. Il sito che si estende per 264 kmq, è scolpito nella roccia rosata e incanta per la bellezza e la magia dei luoghi, che raccontano la storia dell’antico popolo dei nabatei.

Isole Galápagos, Ecuador

L’arcipelago situato al centro dell’Oceano Pacifico, lontano un migliaio di chilometri dalla terra ferma, è un vero paradiso naturale, che stupisce per la diversità di specie faunistiche presenti e per i paesaggi mozzafiato. Nelle isole si possono vedere le particolari danze di accoppiamento delle sule piediazzurri, iguane marine nere che camminano nella boscaglia, pinguini che si seguono in acqua e lagune salmastre circondate da distese rossastre di erba cristallina tipica del posto.

Uluru-Kata Tjuta National Park, Australia

Il parco nazionale ospita al suo interno una roccia sacra agli indigeni dell’Uluru, alta circa 348 metri, ma che riesce a catturare l’attenzione a chilometri di distanza, soprattutto al tramonto quando sembra una nave infuocata. Spettacolare, anche all’alba quando le pareti orientali del Kata Tjuta si tingono di rosa e si possono ammirare le 36 cupole rocciose rosse situate a 30 km da Uluru.

Botswana, delta dell’Okavango

Meta da sempre apprezzata per un safari in Africa, consente di immergersi in un ecosistema di oltre 20.000 kmq, ed esplorare tramite una jeep o un mokoro (canoa tradizionale) paesaggi ricchi di animali selvatici (leoni, zebre, rinoceronti, ghepardi) e specie tipiche del continente africano.

Yellowstone, Stati Uniti

Il parco naturale comprende l’area geotermica più grande al mondo, con oltre 500 geyser attivi, numerose sorgenti di fanghi e fumarole, che emettono un forte cattivo odore, che scoraggia i visitatori. Al suo interno si trovano molti esemplari di bisonte, pecora bighorn, alce, orso e lupo e offre la possibilità di fare dei safari davvero interessanti.

Lago di Bled, Slovenia

Uno specchio di acque turchesi, circondato dalle Alpi Giulie e un isolotto centrale in cui si trova una chiesa bianca e un castello dai tetti in terracotta, caratterizzano il lago di Bled. Tra le più importanti località turistiche della Slovenia, in passato è stata meta di antichi pellegrini e luogo di villeggiatura scelto dai reali e dall’ex presidente Tito.

Cascate di Iguazú, Brasile / Argentina

Gli amanti delle cascate non possono perdersi il bellissimo spettacolo che contraddistingue quelle del Rio Iguazú. Il fiume situato al confine tra Brasile e Argentina, all’interno di due parchi nazionali, da entrambi i lati presenta punti panoramici incredibili, che sono tutti da esplorare. Il migliore da dove osservare le cascate in tutta la loro potenza è il Garganta del Diablo (la gola del diavolo), il cui scenario ha fatto da sfondo a numerosi film.

Tempi di Angkor, Cambogia

Un complesso archeologico, tra i più grandi al mondo, che si compone di più di mille templi induisti e buddisti, esteso in un’area di 400 kmq, che richiede più giorni per essere visitato completamente. Tra gli edifici più famosi, c’è quello di Angkor Wat, un capolavoro dell’architettura Khmer, situato dentro un enorme fossato e che simboleggia il monte Meru, la montagna degli dei.

Salar de Uyuni, Bolivia

Un deserto di sale, che si trova nell’Altopiano boliviano a oltre 3600 metri di altitudine e che occupa una superficie superiore ai 10000 kmq. La caratteristica di questo distesa salata, è che dopo la pioggia, in superficie si forma un sottile strato di acqua, che la trasforma un suggestivo specchio, che regala prospettive ed esperienze visive uniche al mondo.

Circuito di Annapurna, Nepal

Il circuito di trekking costruito intorno al massiccio di Annapurna, in Nepal, è il più noto al mondo. Imponente, stimolante e ricco di sfide, è un percorso incredibile, che consente di immergersi nella natura, scoprire gli scenari delle montagne del Nepal, i suoi villaggi, templi dorati e i tanti tesori che questo Paese dispone e allo stesso tempo fare sport.